News dalla Redazione

Il colpo di Stato delle élite: monopoli privati, neoliberismo e Massoneria neoaristocratica

img libro Massoni 02 db581Se l'obiettivo era il ripristino del potere di classe delle élite,
il neoliberismo era senz'altro la risposta giusta
(David Harvey, Breve storia del neoliberismo, Milano 2005, p. 106)


Riflettendo nel mio precedente articolo sulla compatibilità fra neoliberismo e democrazia, mettevo in relazione le privatizzazioni delle imprese di Stato, fra le quali le autostrade, avvenute negli anni '90, con il neoliberismo, che ha come parole-chiave quelle di libertà d'impresa, Stato minimo, privatizzazioni, liberalizzazioni, deregulation.

Mi soffermo ora, per chiarire meglio la mia posizione, sui fatti e sulle informazioni che la sostengono. La comprensione del quadro complessivo degli eventi permette infatti di rendersi conto del forte nesso esistente fra massoneria neoaristocratica e neoliberismo da una parte e fra neoliberismo e monopoli privati dall'altra. Tale nesso non è immediatamente visibile. A prima vista, si direbbe che la libertà del mercato predicata dalla teoria neoliberista sia in contraddizione con i monopoli privati e che in Italia, Paese del capitalismo di relazione, sia difficile configurare un'applicazione del neoliberismo alle politiche economiche. Niente sembrerebbe più lontano delle concessioni di beni pubblici come le autostrade regalate agli amici della Casta dall'idea della concorrenza e del libero mercato.

Leggi tutto...

Il neoliberismo è compatibile con la democrazia?

img piloni viadotto Morandi 5604aA poche ore dalla tragedia del crollo del viadotto Morandi a Genova, la prima riflessione di molti cittadini italiani sta andando alla questione tutt'altro che secondaria della privatizzazione dei beni e dei servizi pubblici. I numerosi crolli di viadotti, strade, scuole, infrastrutture del Paese, da sempre giustificata con i vincoli di bilancio, con il debito pubblico, con le richieste di austerity da parte dell'Europa, ci sta mostrando due fatti evidenti: che se non si spende in infrastrutture e manutenzione si mette in pericolo la vita delle persone, il turismo e l'economia di intere zone; e poi che la semplice privatizzazione di infrastrutture lucrose come le autostrade non porta con sé i meravigliosi benefici promessi dalla propaganda neoliberista degli anni '80 e '90, con la sua retorica del "privato è bello", della maggiore efficienza del privato rispetto al pubblico, dei vantaggi per gli utenti.

La verità è che con le privatizzazioni si sono spesso creati monopoli, posizioni di rendita di tipo feudale e ingiustificati guadagni per poche famiglie ricche e strettamente legate con i vertici della politica nazionale e internazionale, a danno dei cittadini, che pagano pedaggi assurdamente costosi, a fronte di un servizio tutt'altro che ineccepibile. In Italia i principali gruppi privati concessionari delle autostrade sono il Gruppo Gavio (che è il quarto operatore al mondo nella gestione di autostrade a pedaggio con un network di circa 4.156 km di rete e che in Italia, attraverso la società SIAS, gestisce circa 1.423 km di rete, fra i quali l'autostrada Genova-Ventimiglia), e il gruppo Atlantia, di proprietà dei Benetton. Un articolo de Il Fatto Quotidiano di qualche mese fa, a firma di Fabio Pavesi, metteva in evidenza gli enormi profitti del gruppo Atlantia (le autostrade italiane fino al 1999 furono di proprietà pubblica, del gruppo IRI, con il nome di Società Autostrade, diventata poi nel 2003 Autostrade per l’Italia S.p.A, 100% di proprietà del gruppo Atlantia, che gestisce autostrade a pedaggio anche in altri Paesi). Per essere precisi, 1,9 miliardi di utile operativo solo nel 2017 e solo per Autostrade per l’Italia S.p.A e un utile netto di 972 milioni in crescita del 19% sul 2016. Quale vantaggio ne viene ai cittadini italiani? Ovviamente nessuno. La autostrade a pedaggio sono una gallina dalle uova d'oro ad esclusivo appannaggio di potenti gruppi industriali, in assenza di qualsivoglia criterio di efficienza (come periodicamente si legge nelle riflessioni degli economisti più attenti, per esempio in questo articolo de Il Sole 24 ore). Molti ormai cominciano a rimpiangere i tempi dell'IRI, quando era lo Stato a gestire l'immenso patrimonio delle grandi infrastrutture del Paese. E molti si chiedono per quale ragione si dovrebbe continuare così.

Leggi tutto...

La prima azione che il partito che serve all'Italia deve mettere in campo: "Riconoscere il diritto alla conoscenza come diritto fondamentale dell'umanità" di Daniele Cavaleiro, Vicepresidente MR

L’articolo 3 dello statuto del Movimento Roosevelt definisce i principi e le finalità di questo meta-partito, ovvero:

Il Movimento Roosevelt ha anzitutto l’obiettivo di difendere, rigenerare e promuovere la sovranità popolare sostanziale e non solo formale (democrazia compiutamente dispiegata e funzionante, in termini sia rappresentativi che diretti) a tutti i livelli delle istituzioni pubbliche (e/o di interesse pubblico) locali, comunali, provinciali, regionali, nazionali, internazionali e sovranazionali dell’ecumene globalizzata, a partire dal fondamentale (per le sfide macropolitiche e macroeconomiche in corso nel xxi secolo) territorio italiano ed europeo. Il Movimento Roosevelt intende difendere e promuovere l’affermazione ideale e concreta dei diritti stabiliti nella dichiarazione universale dei diritti umani, approvata all’ Onu il 10 dicembre 1948, procedendo, laddove occorra, anche ad un loro ulteriore approfondimento e ampliamento intensivo ed estensivo. Tanto più conferendo nuovi e sacrosanti diritti a quelle persone di orientamento sessuale e relazionale non maggioritario che ne siano stati sinora privati, sotto ogni cielo del pianeta.

Leggi tutto...

La Rivoluzione rooseveltiana (di Alberto Allas)

Pubblichiamo un interessante contributo di Alberto Allas, giovane socio rooseveltiano di spessore, spagnolo di nascita che ha scelto l'Italia per vivere, lavorare e sposarsi, affermato fisioterapista e osteopata con studio (affollatissimo) a Milano.
Il socio rooseveltiano Alberto Allas era presente all'Assemblea Generale del 14 a luglio, a Roma, tenuta presso l'Istituto Sant'Orsola.

Scrive dunque Allas:
"Sinora, ho utilizzato i social media soltanto a scopo divulgativo del mio lavoro e di questioni inerenti la salute e l'equilibrio del corpo e dello spirito.
Ma oggi vorrei divulgare un altro tipo di informazione che, secondo me, è ugualmente importante, anche perché è qualcosa che coinvolge tutti noi e le nostre coscienze, le quali stanno alla base della buona salute, sia di noi come individui, sia in quanto popoli.
Sabato scorso (14/07/2018) ho avuto il piacere e l'onore di assistere all'assemblea generale del Movimento Roosevelt, dove hanno parlato tante persone che, stanche di vedere come ci vengono strappati i nostri diritti, guadagnati a fatica dai nostri antenati, hanno deciso di reagire con coscienza rivoluzionaria e democratica e si stanno movendo e organizzando per creare un futuro migliore non solo per l'Italia, ma anche per l'Europa e per il Mondo.

Leggi tutto...

Interventi introduttivi di Gioele Magaldi (Presidente MR) e Nino Galloni (Vicepresidente MR) nella giornata rooseveltiana del 14 luglio 2018

Proponiamo la visione di:



REDAZIONE MOVIMENTO ROOSEVELT (www.movimentoroosevelt.com)



(Articolo del 17 luglio 2018)

Assemblea Generale MR: Patrizia Scanu eletta nuovo Segretario Generale

Nel corso dell'Assemblea Generale del Movimento Roosevelt, tenutasi sabato 14 luglio presso l'Istituto Sant'Orsola di Roma, si è svolta l'elezione del nuovo Segretario Generale del Movimento. Due i candidati in competizione per tale carica (Nino Laudani ha ritirato ha ritirato la propria candidatura in extremis): Paolo Mosca e Patrizia Scanu.
Al termine della votazione, con 101 preferenze a favore, è stata eletta Patrizia Scanu. Queste le sue prime parole da neo Segretario Generale MR:
"Ringrazio tutti i soci rooseveltiani che hanno voluto sostenermi come Segretario Generale. Ho sentito molto l'affetto e l'entusiasmo con il quale mi avete incoraggiata in questi mesi.

Leggi tutto...

Immigrazione: io sto con Salvini e Majorino (di Daniele Poli)

Pubblichiamo un interessante articolo di Daniele Poli, tra i soci fondatori del Movimento Roosevelt e Segretario (eletto) della Sezione MR di Milano intitolata ad Enrico Mattei.
Scrive dunque Poli:
"Immaginando di far accapponare la pelle a molti, con questo titolo, e forse ai diretti interessati in primis, mi accingo ad argomentare questa strana tesi.
Innanzitutto, premetto che, come Movimento Roosevelt di Milano, gruppo intitolato ad Enrico Mattei, tempo fa, durante un'emergenza umanitaria legata all'immigrazione, avevamo fatto una raccolta fondi per intervenire sul territorio. Poi l'emergenza era velocemente rientrata, grazie alle politiche della nostra giunta.
Adesso, a Milano, grazie al rientro forzoso di esuli cacciati da Germania ed Austria, si sta ricreando una situazione simile, segno anche che l'idea "facciamoli entrare, tanto poi vanno altrove" non è né politicamente né eticamente accettabile: quindi riprenderei in mano quanto prospettato in passato.
Cos'è cambiato, nel frattempo?
Si sono imposte delle prese di posizione di Matteo Salvini, il quale, cercando anche antipaticamente di mettere regole a un meccanismo fuori controllo, non collide con una visione a favore dei diritti umani.

Leggi tutto...

Adesioni conviviali nella giornata rooseveltiana di sabato 14 luglio: occorre prenotarsi

Caro/a socio/a rooseveltiano/a,
preliminarmente all'Assemblea Generale del Movimento Roosevelt (vedi Assemblea Generale MR del 14 luglio 2018 a Roma. Ordine dei Lavori e Locandina Assemblea Generale Movimento Roosevelt: appuntamento a Roma il 14 luglio 2018) in programma sabato 14 luglio 2018 a Roma presso l'Istituto Sant'Orsola in via LIvorno 50/a, la mattinata verrà dedicata a una Tavola rotonda sul "Partito che serve all'Italia" (vedi Locandina Tavola Rotonda del 14 luglio 2018: Il Partito che serve all'Italia e Il Partito che serve all'Italia: si comincia il 14 luglio 2018 a Roma......) in cui interverranno sia alcuni soci rooseveltiani con particolari qualifiche e competenze di natura politologica, economica, giuridica, filosofica e socio-antropologica, sia relatori esterni al MR di indubbio spessore. Nel pomeriggio, invece, tra i vari punti all'ordine del giorno dell'Assemblea, vi sarà l'elezione del nuovo Segretario Generale del Movimento Roosevelt, carica cui concorrono i soci Patrizia Scanu e Paolo Mosca (Antonino Laudani ha ritirato la sua candidatura, pur rimanendo a disposizione del Movimento per incarichi e iniziative in sintonia con le proprie competenze ed esperienze in campo sanitario e manageriale).

Leggi tutto...

Assemblea Regionale Piemonte MR: convocazione venerdì 6 luglio 2018 ore 19:00 – Caffè Basaglia, via Mantova, 34 (Torino)

img Torino by night fbedfAi soci piemontesi del Movimento Roosevelt

Cari soci rooseveltiani,
venerdì 15 giugno si è svolta a Torino la riunione periodica del Gruppo MR Piemonte. Abbiamo ascoltato la presentazione del libro di Vladimiro Giacché, La fabbrica del falso, a cura di Roberto Alice, e poi abbiamo discusso del tema della manipolazione dell'informazione.
La scheda cartacea, le slides e il video della presentazione saranno disponibili nella Biblioteca MR (dalla pagina del Blog, menù "Files").

Leggi tutto...

Europa-Italia-Elezioni comunali giugno 2018: congratulazioni a tutti i nuovi sindaci (di qualunque colore politico) e in particolare a Giovanni Arena, auspicando un New Deal rooseveltiano per Viterbo e in ogni territorio locale italiano......

img fascia tricolore sindaco a1094COMUNICATO CONGIUNTO (pur nella distinzione dei rispettivi ruoli e obiettivi: politici, massonici, civici e pedagogico-culturali) a cura del Movimento Roosevelt, di Grande Oriente Democratico e di Democrazia Radical Popolare:

VITERBO-ITALIA-EUROPA. Congratulazioni speciali a GIOVANNI ARENA, nuovo Sindaco di Viterbo e a tutti i nuovi primi cittadini (di qualsiasi colore/appartenenza politica) eletti di recente in ogni angolo del Bel Paese dove si è votato per le amministrative.
Adesso, però, da parte di tutti e di ciascuno, c'è la necessità di uno sguardo più ampio, trasversale e di lungo respiro che, dalle realtà locali e cittadine, conduca verso le grandi sfide europee e globali del sistema-Italia.
Nel disfacimento del sedicente centrosinistra italiano a livello nazionale, regionale e locale e nella necessaria ridefinizione delle istanze del sedicente centrodestra e del M5S (come dimostra la recente tornata elettorale in diversi comuni), da una parte i massoni di GOD e i cittadini di DRP proseguiranno la loro opera indiretta in favore del ripristino della democrazia sostanziale ad ogni livello della governance cittadina, regionale, nazionale ed europea, dall'altra il Movimento Roosevelt intende ampliare, consolidare e rendere sempre più incisiva e concreta la propria azione politica metapartitica, trasversale e pedagogica.

Leggi tutto...

Gioele Magaldi: Renzi riposi in pace, questo Pd non è il partito che serve all'Italia (di Giorgio Cattaneo)

img Renzi 0b9fbPubblichiamo volentieri questo articolo a firma Giorgio Cattaneo, socio rooseveltiano piemontese e benemerito ideatore e curatore del sito Libre Idee, che riporta alcune recentissime dichiarazioni di Gioele Magaldi, Presidente MR:

"Renzi twitta: «Prendo atto di quello che è successo ieri al secondo turno delle amministrative. È innegabile che dal 4 marzo, con tutto il rispetto per Maurizio Martina, manca una vera leadership al Partito Democratico, e per questo mi riprendo, mi riavoco la guida del partito». Che dire: "C'è del metodo, in questa follia", avrebbe affermato Shakespeare. Renzi segue una sorta di traiettoria di cupio dissolvi, dove l'unico a non rendersi conto della realtà è proprio lui (e quei pochi, sempre di meno, che gli vanno dietro). Probabilmente Martina è inadeguato a fare il reggente, ed era inadeguato anche come ministro. È inadeguato a rappresentare le istanze di milioni di persone che hanno creduto nella traiettoria del Pd così com'era. Poi sono rimasti disillusi e credono che da questo partito – rigenerandosi, o trasformandosi, o confluendo in qualcos'altro – possa nascere qualcosa di buono. Martina non era il testimonial adatto. È chiaro che tra lui e Renzi è meglio cento volte Renzi, ma per fare cosa? La responsabilità di questa débâcle alle amministrative non è di Martina: non poteva essere lui a risolvere il problema.

Leggi tutto...

Democrazia e rappresentatività, di Bruno Montanari

Dopo
presentiamo un altro interessante articolo di Bruno Montanari, docente di filosofia del diritto e intellettuale molto attento a tematiche politologiche:

Democrazia e rappresentatività
Bruno Montanari

Sappiamo tutti che gli esponenti politici amano dire spesso delle "bufale" e sovente, anche, "cose sgradevoli" nei confronti dei competitori, trasformando questi ultimi in "avversari" da far fuori. Sicché, tra le "bufale" e le "sgradevolezze" la competizione elettorale assume le forme ora di un circo di quart'ordine, ora di un ring sul quale i contendenti danno colpi sopra e sotto la cintura pur di abbattere l'avversario. Nell'uno e nell'altro caso il fine è ottenere il consenso o l'ovazione degli spettatori-elettori. E questo pur di vincere, senza pensare al dopo, quando verrà il tempo di formare un governo.
Il fenomeno è liquidato dagli organi di informazione con una espressione che viene ripetuta con la disinvoltura tipica delle frasi innocue: "siamo in campagna elettorale"; insomma è un po' come "fare spallucce" quando assistiamo a comportamenti di quotidiana sciatteria o inurbanità.

Leggi tutto...

L'Era dell’Aquarius (di Pino Cabras: parlamentare M5S amico del MR). Su migrazioni, propagande e ipocrisie pseudo-europee, retoriche mistificatorie e dintorni

img nave Aquarius migranti dbf2bPresentiamo un sagace intervento di poche ora fa, a firma Pino Cabras, deputato sardo della Repubblica italiana eletto nelle fila del M5S, amico da tempo del Movimento Roosevelt.
In effetti, Pino Cabras ebbe già modo di presentare il libro di Gioele Magaldi (con la collaborazione di Laura Maragnani) "Massoni. Società a responsabilità illimitata. La scoperta delle Ur-Lodges" a Cagliari, nel gennaio 2015. Su ciò, vedi: Presentazione a Cagliari del libro MASSONI presso l’EXMA di Via San Lucifero 71, sabato 17 gennaio 2015.
E si distinse, Cabras, per una analisi di questo saggio davvero puntuale, sapiente e approfondita.
Di recente, Pino Cabras è stato ufficialmente appoggiato dal metapartitico Movimento Roosevelt nella sua candidatura a parlamentare italiano (in quota M5S) per la XVIII legislatura, dialogando pubblicamente con Marco Moiso (Coordinatore Generale MR e Curatore di TV London MR) in questo video: In Sardegna, il Movimento Roosevelt supporta Pino Cabras (M5S)poi rilanciato e integrato da ulteriori considerazioni in:
D'altra parte, Pino Cabras e Giulietto Chiesa avevano avuto modo entrambi di partecipare molto costruttivamente ad importanti riunioni politiche rooseveltiane a Londra e a Roma, sulle quali vedi:

Leggi tutto...

Roma (1 giugno), Londra (2 giugno) e Milano (8 giugno): tre imminenti giornate rooseveltiane di grande interesse e spessore, per difendere la Democrazia e diffondere amore consapevole e costruttivo nelle vite pubbliche e private

Siamo lieti di ribadire un trittico di giornate rooseveltiane molto interessanti.

Si comincia domani, venerdì 1 giugno, alle 17:45, a Roma, presso l’Istituto Sant’Orsola, in Via Livorno 50/a, con l’ Assemblea Lazio e Roma MR:

Assemblea Regionale Lazio MR: convocazione e Presentazione del libro "L'Amore Consapevole" del rooseveltiano Sergio Magaldi venerdì 1 giugno ore 17:45 – Istituto Sant'Orsola, via Livorno 50/a (Roma)

per proseguire alle 19, stesso luogo, con la Presentazione del libro del rooseveltiano Sergio Magaldi (tra i soci fondatori e Direttore Dipartimento Cultura del Movimento Roosevelt)

:

Presentazione de L’Amore consapevole di Sergio Magaldi. Venerdì 1 giugno 2018 a Roma, dalle ore 17:45, presso l’Istituto Sant’Orsola in Via Livorno 50/a

Leggi tutto...

MR Piemonte: riunione a Bra (CN) il 18 maggio per i soci piemontesi del Movimento

img Torino by night fbedf
Ai soci piemontesi del Movimento Roosevelt


Carissimi amici rooseveltiani,
riprende l'attività del gruppo piemontese, che si è fermata ad aprile per cause di forza maggiore.

Come previsto, il prossimo incontro costituirà il primo passo del percorso di autoformazione in tema di economia, che avrà scadenze più ravvicinate nelle settimane successive. Terrò io la prima relazione sul tema: "L'economia della globalizzazione: il ruolo degli organismi economici internazionali", esponendo essenzialmente  i contenuti del saggio di Joseph Stiglitz, "La globalizzazione e i suoi oppositori", Einaudi, 2002 con riferimenti anche al libro di John Perkins, "Confessioni di un sicario dell'economia", BEAT, 2013.

Leggi tutto...

Sul web la censura Ue: ma oscurare la verità non è reato?

Presentiamo, su un tema di stringente e inquietante attualità, un eccellente articolo di Giorgio Cattaneo, ideatore e curatore del frequentatissimo sito Libre Idee (www.libreidee.org ) e socio del Movimento Roosevelt:

Leggi tutto...

Cosa Vedere A Roma: una iniziativa meritoria di Francesco Nardi ed altri per promuovere cultura, turismo ed economia nella Capitale. Lancio sabato 21 aprile alle ore 19:00... presso il ristorante stellato "Stazione di Posta" (ex MACRO Testaccio)

logo cosa vedere a roma fa49eSegnaliamo una interessante iniziativa curata da Francesco Nardi, figlio di un noto e benemerito socio fondatore del Movimento Roosevelt, Pietro Nardi.
Francesco Nardi, insieme a Livia Artibani, Claudia Di Falco, Andrea Simeoni, M. Clelia Scuteri e Jessica Congionti, hanno costruito ed organizzato dei servizi essenziali e strategici per chiunque voglia orientarsi adeguatamente tra i luoghi più significativi (taluni poco noti, ma non per questo meno importanti e ricchi di appeal) della Città eterna.
Tali servizi verranno offerti mediante una piattaforma web attiva a partire dal 21 aprile 2018, il cui indirizzo è www.cosavederearoma.com.
A monte di questo progetto, la professionalità di architetti, archeologi, designer, restauratori, storici dell'arte e mediatori culturali, in grado di supportare una fruizione consapevole e non superficiale delle bellezze di Roma.

Domani, sabato 21 aprile alle ore 19:00, vi sarà il lancio e la presentazione del portale Cosa Vedere A Roma presso la suggestiva location della "Stazione di Posta", ristorante stellato sito in Largo Dino Frisullo 1, all'interno dell'ex Mattatoio (ed ex MACRO Testaccio), con la presenza di professionisti del settore, di docenti universitari e dei membri del Team.

Leggi tutto...