News dalla categoria Comunicazioni

Salotto Rooseveltiano 3: "Venti di guerra USA-Iran"

Salotto Rooseveltiano 3: "Venti di guerra USA-Iran"

Nel terzo appuntamento del Salotto Rooseveltiano vengono discussi i rapporti tra Iran e USA, compresa la paura che molti hanno di una escalation militare. Vista la storia di rivoluzioni e controrivoluzioni dell'Iran, chi sono gli attori oggi coinvolti nella gestione del paese? Quali sono le forze interne chi si oppongono?
In Iran si vota, ma esiste una qualche forma di democrazia? Che ruolo hanno i Pasdaran e personaggi come Soleimani? Quali sono gli interessi che si intrecciano nella regione?
Che ruolo hanno paesi come l'Iraq, Israele e l'Arabia Saudita?
Come si muove l'intelligence occidentale in una zona così complicata?

C'è davvero rischio di una guerra?

 In questo Salotto, proviamo a dare risposta a queste e a molte altre domande.

https://www.youtube.com/watch?v=ji1A-gKarwo&feature=youtu.be&fbclid=IwAR01p3yzpkvz42QACwAzKhf1JSA6d6r3-swelfsT2dAE7tR1OmD5UqqTt6s

Riunione Generale MR e inizio Master Roosevelt a Roma il 25-26 Gennaio 2020

Giornate rooseveltiane Sabato 25 e Domenica 26 gennaio 2020 a Roma. Assemblea Generale MR e avvio del Master Roosevelt in Scienze della Polis

 

 

La Grande Battaglia, anzi la Grande Guerra Fredda (la seconda) in corso è per la Democrazia, come si evince anche da alcuni esplosivi eventi geopolitici degli ultimi giorni, analizzati con lenti rooseveltiane in:

https://www.youtube.com/watch?v=w19mvuVWrHQ&list=PLeBfDZsSfKqY0J2U_ZQG7I4ZGxbE1Zfhc&index=2&t=0s

https://www.gaiaitalia.com/2020/01/13/magaldi-giu-la-maschera-la-vera-battaglia-e-per-la-democrazia-e-oppone-progressisti-e-reazionari-persino-allinterno-della-cia-e-del-mossad/?fbclid=IwAR1fWxzR-cipgV2wWRayT-s9Cwc1hrMi-cjRm_DNrF7Zc_Z9muD9T8Khp7c

https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/comunicazioni/siria-la-vera-battaglia-e-per-la-democrazia.html

https://www.libreidee.org/2020/01/magaldi-iran-cia-e-mossad-ma-in-palio-ce-la-democrazia/

E per combattere meglio tale Guerra per i Diritti e la Dignità umana, per uno Stato di diritto internazionale rigoroso, equo, democratico e universalmente riconosciuto, cosi come per una sostanziale Sovranità popolare, per la riduzione drastica delle Disuguaglianze sociali e una Prosperità diffusa, riteniamo sia molto utile unirsi al metapartitico Movimento Roosevelt

(www.movimentoroosevelt.com e https://blog.movimentoroosevelt.com/ , per iscriversi o rinnovare la tessera: https://blog.movimentoroosevelt.com/iscriviti-o-rinnova.html ).

Un’ottima occasione per farlo e per condividere e ravvivare le molteplici iniziative targate MR sarà appunto partecipare all’Assemblea Generale del Movimento Roosevelt prevista a Roma Sabato 25 gennaio dalle ore 8:30 alle 9 e dalle 14:30 alle 20:30 circa e magari iscriversi al Master Roosevelt in Scienze della Polis (per chiedere l’iscrizione scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ), sul cui Calendario rinviamo a https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/redazione/master-roosevelt-in-scienze-della-polis-calendario-2020.html e sulle cui Docenze a https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/master-roosevelt-in-scienze-della-polis/master-roosevelt-docenze-cattedre-e-calendario-definitivo.html .

L’orario di questo primo week-end di Master, in cui i vari Docenti introdurranno e spiegheranno metodi, contenuti e obiettivi dei propri corsi, sarà Sabato 25 gennaio dalle 9 alle 13 e Domenica 26 gennaio dalle 9 alle 13 e dalle 14:30 alle 20:30.

Seguiranno, nelle prossime ore e nei prossimi giorni, molti comunicati e video illustrativi tanto dell’Ordine del Giorno dell’Assemblea Generale del 25 gennaio che di tutto ciò che riguarda e riguarderà il Master Roosevelt in Scienze della Polis.

Assemblea Generale e Master Roosevelt in Scienze della Polis si svolgeranno presso l’Istituto Sant’Orsola di Via Livorno 50/a (zona Piazza Bologna), Roma.

Arrivederci a Roma sabato 25 gennaio 2020, a partire dalle ore 8:30, presso l'Istituto Sant'Orsola in via Livorno 50/a.

Leggi tutto...

Libia: passato, presente e possibile futuro

 Libia: passato, presente e possibile futuro

 

Roberto Hechich - Segretario del Dipartimento Geopolitica e Difesa MR - si prende tempo e spiega l'evoluzione di quello che è successo in Libia, dai tempi di Gheddafi fino alla scesa in campo della Turchia.
Nella fase finale vengono affrontati gli scenari futuri possibili.

 

https://www.youtube.com/watch?v=81dd56SaR2k

Iran: La vera battaglia è per la Democrazia

Magaldi: giù la maschera, la vera battaglia è per la democrazia e oppone progressisti e reazionari persino all’interno della Cia e del Mossad


di Redazione #MovimentoRoosevelt twitter@gaiaitaliacom #Politica

Il presidente del Movimento Roosevelt: in Medio Oriente, paesi senza democrazia sono stati aggrediti da finti democratici, supermassoni che si erano impossessati degli Usa. Qui potete vedere il video nel quale Magaldi parla di questa e altre storie.

Dunque, secondo Magaldi, il confronto tra amici e nemici della democrazia attraversa tutto il mondo, inclusi apparati di intelligence come la Cia e il Mossad israeliano. Il presidente del Movimento Roosevelt ed esponente dei circuiti massonici progressisti internazionali, autore del saggio “Massoni” (Chiarelettere, 2014) e gran maestro del Grande Oriente Democratico, attraverso un comunicato stampa giunto in redazione, ridimensiona la portata della crisi Usa-Iran e riconduce l’omicidio del generale Qasem Soleimani a un ruvido episodio, quasi fisiologico, da inquadrare nella guerra geopolitica che oppone gli Usa alla repubblica islamica sciita“Comunque” – aggiunge – “se il “falco” Soleimani era considerato un ostacolo, Trump ha fatto bene i suoi calcoli, nel volerlo eliminare, visto che la sua uccisione non ha affatto dato luogo a reazioni così pericolose da parte di Teheran: al netto della sanguinosa strage accidentale di civili commessa abbattendo un volo di linea, parla da sola l’estrema cautela mostrata da Russia e Cina”.

Il duro confronto tra gli Usa e paesi come Iran e Iraq – sostiene Magaldi – in questi anni ha proposto una sfida particolarmente infelice: da un lato un’oligarchia reazionaria atlantica che si era impossessata delle istituzioni americane nell’era Bush, fingendo di voler “esportare la democrazia” (solo per promuovere lucrose guerre regionali), e dall’altro regimi dove la democrazia almeno formale non è mai esistita. «Il network massonico progressista – aggiunge Magaldi – contribuì a far eleggere Donald Trump proprio per allontanare dalle stanze del massimo potere il clan Bush e in particolare la superloggia “Hathor Pentalpha”, direttamente responsabile dell’attentato dell’11 Settembre a New York e poi della creazione dell’Isis in Medio Oriente». Magaldi esclude che l’uccisione di Soleimani (avversario dell’Isis in Iraq e in Siria) sia stata progettata per “bilanciare” la recente eliminazione del “califfo” Abu Bakr Al-Bahdadi, protetto dalla “Hathor”, entità-ombra che oggi sarebbe comunque schierata contro la Casa Bianca.

Semplicemente, ribadisce Magaldi, Trump ha visto in Soleimani la longa manus dell’ala dura della spietata teocrazia iraniana, impegnata a estendere l’influenza sciita e antiamericana in tutta la regione mediorientale, anche ricorrendo al terrorismo.
«I sinceri democratici – afferma Magaldi – devono continuare a denunciare i regimi autoritari come quello dell’Iran, e al tempo stesso criticare fortemente le situazioni in cui la democrazia non è sostanziale, come nel caso dell’Unione Europea». Magaldi non si nasconde l’ipocrisia degli Usa, che tacciono di fronte al carattere dispotico dell’alleato saudita, dopo aver permesso alla Cina di accedere al mercato mondiale (divenendo una grande potenza) senza prima impegnarsi a introdurre la democrazia a Pechino. «La vera battaglia – ribadisce – è quotidiana e trasversale, in tutto il mondo, visto che i “falchi” si accordano sottobanco per scatenare simmetriche campagne di reciproca demonizzazione, conservando i rispettivi privilegi, mentre la dialettica tra progressisti e reazionari percorre anche i dirigenti dei dispositivi di sicurezza, compresi la Cia e il Mossad».

(13 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

Link all'articolo: https://www.gaiaitalia.com/2020/01/13/magaldi-giu-la-maschera-la-vera-battaglia-e-per-la-democrazia-e-oppone-progressisti-e-reazionari-persino-allinterno-della-cia-e-del-mossad/?fbclid=IwAR3I6EC-Z1aUdlfReH2PNcWspd9GqKWENJDzccngUsDxIqAkMfYiAkrFH1I

Comunicato Stampa MR: precisi distinguo sulla questione Soleimani

 
MR logo 500
 
COMUNICATO STAMPA MOVIMENTO ROOSEVELT (7 gennaio 2020)
MAGALDI: TRUMP SBAGLIA AD ASSASSINARE I NEMICI, MA IL GENERALE SOLEIMANI NON ERA CERTO UN AGNELLINO. AVEVA FERMATO L'ISIS, MA PER CONTO DELLA TEOCRAZIA DI TEHERAN
Il presidente del Movimento Roosevelt: ipocriti gli Usa che attaccano l'Iran ma restano alleati dei sauditi, e ingenuo chi vede un martire nell'arcigno oligarca del Pasdaran​

 

"A volte, tra i falchi reazionari dell'Iran e quelli di Israele ci sono state intese inconfessabili, per alimentare la tensione e quindi consolidare il rispettivo potere". Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, considera "pessima" la pratica degli "omicidi chirurgici" come quello costato la vita al generale iraniano Qasem Soleimani, assassinato il 3 gennaio a Baghdad su ordine di Donald Trump. Un atto che va inquadrato "nella nuova guerra fredda che oppone gli Usa alla Cina: Washington teme che si formino saldature pericolose tra Pechino, Mosca e Teheran". Molto meglio, secondo Magaldi, restituire all'Onu gli strumenti idonei per ridiventare un interlocutore istituzionale autorevolmente presente nelle controversie internazionali. Magaldi denuncia anche "l'ipocrisia degli Usa": mentre attaccano e contestano l'Iran, in Medio Oriente "gli Stati Uniti sono alleati con un regime altrettanto feroce, illiberale e antidemocratico come quello della teocrazia sunnita dell'Arabia Saudita".

Al tempo stesso, Magaldi invita a non fare di Soleimani un martire: "Evitiamo il semplicismo del sentimento antiamericano, che oggi si proietta anche su figure del mondo islamico incompatibili con la democrazia e la libertà". Per il presidente del Movimento Roosevelt, Soleimani era stato anche "un macellaio, con molti morti sulla coscienza", specie in relazione "al terrorismo libanese". Insomma, il generale "non era un agnellino, come del resto i suoi Pasdaran, che sono anche una potenza economica". Certo, in Iraq e in Siria lo stratega iraniano è stato determinante nello sconfiggere l'Isis, ma - secondo Magaldi - al fondamentalismo sunnita del Califfato ha opposto un fondamentalismo concorrenziale, quello teocratico dell'Iran:"Il massone conservatore Soleimani era legatissimo al vertice più reazionario e autoritario del mondo sciita, incarnato dall'ayatollah Khamenei, esponente di una casta ipocrita che si è enormemente arricchita alle spalle dei sudditi, privi di veri diritti civili e di una giustizia degna di questo nome".





Gli Ammazzacaffè Roma/Milano: 13 Novembre 2019

pirati f2de7


A Roma, il 13 novembre, debutto autunnale per il secondo anno consecutivo dell' evento radiofonico Gli AmmazzaCaffè Roma/Milano, che sarà trasmesso in diretta dal Caffè letterario, a partire dalle ore 18 su Radio 100passi (è disponibile l’app gratuita radio100passi per android).

Leggi tutto...

Passaggio di consegne relativo alla gestione dell'Ufficio Iscrizioni e Tesseramento del Movimento Roosevelt da Anna Valentino a Diego Carlucci

Comunichiamo a tutti i soci che da questo momento Diego Carlucci è il nuovo Responsabile dell'Ufficio Iscrizioni e Tesseramento del Movimento Roosevelt e che ha accesso alle mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Anna Valentino ha rassegnato le sue dimissioni e non ricopre più il suddetto incarico.

Leggi tutto...

Il MR a fianco di ambulanti e balneari contro la Direttiva Bolkestein

Il MR si unirà agli ambulanti e ai balneari italiani per la grande Manifestazione contro la Direttiva Bolkestein,  prevista a Roma il 28 settembre 2016, in Piazza della Repubblica, ore 10.30, per chiedere al Governo di intervenire a difesa degli attuali concessionari.

Leggi tutto...

Rinnovo tesseramento/adesione annuale al Movimento Roosevelt

 Si comunica a tutti i soci fondatori e ordinari MR che in occasione dell’Assemblea Generale del 30 aprile 2016 svoltasi a Roma, era già stata avviata informalmente la campagna di tesseramento/rinnovo annuale di adesione al Movimento Roosevelt.

Con il presente documento, tuttavia, si precisa che a far data da oggi ed entro e non oltre lo spazio di una settimana, ciascun socio fondatore o ordinario che abbia effettuato l’iscrizione da almeno un anno (cioè prima del 14 settembre 2015) e che ancora non abbia rinnovato l’iscrizione pagando la debita quota associativa di 30,00 euro, è ora tenuto a farlo.

Leggi tutto...

Nino Galloni (Movimento Roosevelt): “Una nuova moneta per Roma Capitale”. Comunicato Ufficio Stampa MR del 12 settembre 2016

A seguire il precedente lancio riportato in

Gioele Magaldi e Nino Galloni: “ Il Movimento Roosevelt non è Massoneria.” Comunicato Ufficio Stampa MR del 12 settembre 2016 (clicca per leggere)

Leggi tutto...

Gioele Magaldi e Nino Galloni: “ Il Movimento Roosevelt non è Massoneria.” Comunicato Ufficio Stampa MR del 12 settembre 2016

Da non molto, l’Ufficio Stampa MR diretto da Roberto Verrastro, ha diramato ai media il seguente Comunicato:

per rilascio immediato

Gioele Magaldi e Nino Galloni: “Il Movimento Roosevelt non è Massoneria”

Leggi tutto...