Comunicazioni

Gioele Magaldi: Draghi vuole essere la svolta social-liberale per l'Italia e l'Europa. Un pericolo per il sistema.

Magaldi: il mondo guarda a Draghi perché sa benissimo che vuol far entrare l'Italia nella storia, fino a far cambiare segno all'Europa cancellando per sempre l'austerity

Il presidente del Movimento Roosevelt: la portata del cambiamento sarà tale da esporre in modo forse anche pericoloso l'ex presidente della Bce, riconvertitosi alla causa social-liberale delle sue origini progressiste e post-keynesiane. Al futuro governo intanto chiediamo la fine delle immediate restrizioni-Covid e, da subito, un forte impegno per evitare che l'Iveco finisca ai cinesi

 

«L'Italia, l'Europa e persino il mondo attendono parole nuove: chi saprà interpretarle senza deludere sarà protagonista nella storia, a partire da questo momento». Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt ed esponente di primo piano in Italia del circuito massonico progressista sovranazionale, chiarisce il senso post-keynesiano della missione di Mario Draghi a Palazzo Chigi: «E' ridicolo temere che Draghi si finga tornato ai lidi keynesiani solo per raggirarci, facendo poi rispuntare il grugno del vecchio neoliberista neoaristocratico. Davvero gli converrebbe? No: sarebbe anche molto brutto, per la sua biografia e per i posteri - e Mario Draghi ci tiene, al giudizio della storia».

 

Quello di Draghi, dice Magaldi, «sarà un governo politico ma nel senso alto, ampio e meta-partitico del termine: un governo al servizio della "polis", e non dei partiti, che pure sono il sale della democrazia (ma quelli di oggi hanno fallito nelle loro possibilità di rappresentare, da centrodestra o da centrosinistra, un governo degno per il paese)». Sarà quindi un esecutivo «politico, con elevate capacità tecniche, che poggi su solide basi politiche e abbia una visione della "polis": è quello che serve, oggi, al sistema-paese». L'ex super-banchiere viene spesso definito un pragmatico, senza ideologie? Errore: «Sono gli attuali partiti, semmai, a non avere ideologie: sono composti da persone che non credono in nulla; sono dei pragmatici al ribasso, loro sì, attenti solo alle poltrone e alle piccole convenienze, al proprio narcisismo, al piccolo cabotaggio, allo sguardo di cortissimo respiro. E' ovvio che si accodino a Draghi: è anche giusto, è un modo per redimersi».

Leggi tutto...

Gioele Magaldi: lettera aperta indirizzata a Mattarella e ai Parlamentari. Salvare l'Italia anziché Conte

Magaldi: governo di salvezza nazionale guidato da Marta Cartabia, con Mario Draghi all'economia e Nino Galloni a lavoro e sviluppo, con la moneta complementare

Il presidente del Movimento Roosevelt: lettera aperta indirizzata a Mattarella e ai parlametari. Un appello: fate un passo indietro, salvate l'Italia anziché Conte


Gioele Magaldi annuncia una nuova lettera aperta, come quelle rivolte dal 2010 al "fratello" Berlusconi. Sarà pubblicata nelle prossime ore sul sito del Movimento Roosevelt. Un appello ai parlamentari, trasmesso anche a Mattarella e agli altri soggetti istituzionali coinvolti nella crisi di governo. Proposta chiara: «Un governo tecnico di salvezza nazionale, supportato da larghissime intese, guidato da una figura come quella di Marta Cartabia, già presidente della Corte Costituzionale, estimatrice dichiarata di Eleanor Roosevelt e con, accanto, uomini come Mario Draghi e Nino Galloni». Primo obiettivo: far uscire immediatamente l'Italia dall'emergenza, abolendo le misure incostituzionali varate da Conte, inutili sul piano sanitario ma devastanti per l'economia.

Leggi tutto...

Dalla parte dei diritti e della trasparenza: Giustizia è fatta. Due articoli di Monica Soldano

GIUSTIZIA E' FATTA. Dalla parte dei diritti e della trasparenza

 

a cura di Monica Soldano

In Italia, anche in questo inizio di anno, la Giustizia amministrativa sta continuando a dare risposte e a fare chiarezza nel complicato rapporto tra i cittadini e la gestione della pandemia, che, attraverso  i decreti della Presidenza del Consiglio per l’emergenza sanitaria, non manca di  porre questioni sui diritti inviolabili e le libertà personali. Così,  fin dal mese di gennaio ci sono già state nuove e significative pronunce, vediamo quali.

Leggi tutto...

Ribelli: Pandemia, Media, Etica. Caccia alla verità. 5a puntata - A cura di Monica Soldano

Ribelli 5a puntata: Pandemia, giornalismo ed etica pubblica. Caccia alla verità - A cura di Monica SoldanoRibelliveritàthmb 48a9fDieci mesi fa è cominciato il primo lockdown sanitario della nostra storia recente. Così la “caccia” alle informazioni sulla pandemia ed il virus è diventata un’attività quotidiana, di prima necessità. Il giornalismo è stato chiamato ad esercitare il suo mestiere, ma in un modo difficile: lontano dalle fonti, con l'ascolto quotidiano di esperti che cercavano di esibire certezze che non avevano, a fronte di informazioni confuse, in arrivo, da ogni parte del pianeta.
Nel frattempo, nelle affollate terapie intensive si consumavano scelte drammatiche e si moltiplicavano le domande etiche sui perchè ed i come.
La gestione della pandemia si è arricchita anche di altri aspetti: la scarsa trasparenza degli atti amministrativi, la segretezza sui contratti per i vaccini, le difficoltà oggettive della campagna vaccinale, errori nella trasmissione dei dati, a cui recentemente si è aggiunta la levata di scudi dell’ Associazione Italiana di Statistica, che ha raccolto le firme per un appello che punta i piedi per modificare l'attuale metodo di raccolta dati e la contabilità del virus, perchè si esorta a ripartire dalla qualità del dato primario, per poter fare proiezioni e comprendere meglio le scelte del governo.
Un quadro complessivo, forse disarmante, in cui avvertiamo la necessità di ritrovare il filo.

Così, di informazione e giornalismo, ma anche di scelte morali ed etiche, al tempo della pandemia, parleremo In RIBELLI, venerdì sera, alle 19,30, con Giovanni Caprara, giornalista ed editorialista scientifico del Corriere della Sera (presidente SIGS) e con Maurizio Mori, professore Ordinario di Filosofia morale e bioetica all’ Università di Torino (presidente della Consulta di Bioetica).
Conduce Monica Soldano, giornalista.

Appuntamento alle ore 19.30 sul Canale Web MRTV:https://youtu.be/P4vqQUTvxu8

Tandem Gioele Magaldi-Gianfranco Pecoraro: Inaccettabile il segreto sui contratti per i vaccini. Raccolta di firme e azione legale del Sostegno Legale MR sulla trasparenza

Il Movimento Roosevelt: fuori i dati, basta segreti sui contratti per i vaccini. Raccolta di firme e azione legale per pretendere trasparenza sul piano vaccinale italiano


Carpeoro: chiederemo alle Prefetture di rendere pubbliche le condizioni di acquisto dei vaccini Covid pagati dagli italiani. Inaccettabile il segreto sul denaro dei cittadini.


Una raccolta di firme nazionale per chiedere trasparenza sui contratti per le forniture dei vaccini Covid: i dati verranno anche richiesti alle Prefetture italiane dagli avvocati del Movimento Roosevelt, che ha attivato un servizio di Sostegno Legale per supportare i cittadini colpiti da sanzioni ingiuste. E' un'offensiva a tutto campo quella annunciata dall'avvocato Gianfranco Pecoraro, vicepresidente "rooseveltiano" e autore di saggi e romanzi firmati con il popolare pseudonimo di "Carpeoro". Imperativo categorico: la trasparenza. «E' vero che l'ente che ha trattato l'acquisto dei vaccini-Covid è l'Ue. Ma visto che l'Italia quei vaccini li paga, quanto meno, le condizioni di quei contratti dovrebbero essere rese note alle persone da cui quel denaro proviene, cioè noi», afferma l'avvocato. «Una norma generale impone allo Stato di essere trasparente, sull'impiego dei soldi pubblici. I cittadini devono sapere: basta, con queste clausole secretate e questi accordi sottobanco, "catacombali". Mi meraviglio che nessuno protesti: rinfacciano i cappucci alla massoneria, e poi fanno i contratti incappucciati?».


«E' uno scandalo», insiste Carpeoro: «Per questo, il Movimento Roosevelt lancerà una pubblica sottoscrizione per chiedere la desecretazione di questi contratti, nonché - attraverso gli avvocati del Sostegno Legale "rooseveltiano" - una diffida, a tutte le Prefetture, perché esibiscano i contratti per la fornitura dei vaccini (perché è la Prefettura che rappresenta il governo). L'eventuale diniego verrebbe poi impugnato dai nostri legali, davanti agli organi competenti». Conferma il presidente del Movimento Roosevelt, Gioele Magaldi: «Al di là del fatto che il vaccino Pfizer non sia stato sufficientemente testato e possa esporre l'organismo a reazioni avverse, ci siamo accorti del fatto che le dosi recapitate in Italia (acquistate dall'Ue per spuntare un prezzo più conveniente) sono calate in modo brusco. E così abbiamo scoperto che c'è il segreto, privatistico, su una materia che in realtà è di interesse pubblico».

Leggi tutto...