News dal Direttorio generale

 

In vista delle elezioni politiche del 2018, ci teniamo a ribadire che il Movimento Roosevelt è un movimento politico metapartitico libero ed indipendente.
Sottolineiamo, per l’ennesima volta, che il nostro movimento non è massonico, nè para-massonico. Il nostro obiettivo primario è quello di promuovere la diffusione, l'incremento e l’applicazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e di lavorare per la tutela delle quattro liberta’ fondamentali descritte da F.D. Roosevelt: la libertà di parola e di espressione, la libertà di culto, la libertà dal bisogno e la libertà dalla paura.

Oggi che il Movimento Roosevelt implementa in maniera sempre più decisa la propria natura meta-partitica, esprimendo criticità nei confronti di tutti i partiti, ma al contempo identificando e promuovendo, nel contesto elettorale, quei candidati che abbraccino principi e finalità rooseveltiane, si fanno avanti strumentalmente svariati soggetti che cercano di attaccare e screditare alcuni dei candidati che abbiamo deciso di appoggiare.

Uno dei modi (surreali) per criticare questi candidati sembra essere quello di equiparare il Movimento Roosevelt a una qualche entità massonica.

In realtà, le persone (non massoni o massoni, cattolici o protestanti, ebrei o islamici, buddhisti o induisti, confuciani o animisti, atei, gnostici o agnostici, ecc.) che si iscrivono al Movimento Roosevelt sono semplicemente cittadini che esercitano il loro diritto di partecipare ad associazioni di tipo civile o politico, non aderenti che si affiliano a un qualche gruppo massonico.

D'altra parte, a meno di non violare la stessa Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Costituzione italiana e i principi tutelati dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, è ora di smetterla di considerare l'eventuale, personale (e lecita, in quanto consentita e garantita dalle leggi dello Stato) affiliazione massonica di tale o talaltro cittadino come un pretesto valido per discriminare tale persona nell'accesso a candidature o a pubblici uffici. In tal senso, condanniamo come profondamente immorale e disgustoso ogni atteggiamento settario, illiberale e antidemocratico che pretenda di demonizzare una persona in base alle proprie convinzioni spirituali, siano esse religiose, sapienziali o filosofiche.

Riteniamo comunque ingiurioso e diffamatorio, per l’immagine del Movimento Roosevelt, che qualcuno insinui che esso non sia indipendente, bensì eterodiretto da un qualsiasi gruppo privato di pressione: massonico o di qualsivoglia altra natura.

Il Movimento Roosevelt si muove esattamente nel senso opposto, in modo solare e limpido, dinanzi al cospetto dell'opinione pubblica.

Il MR, infatti, intende liberare la politica da pressioni illecite di organizzazioni private che possano talora infiltrare le strutture partitiche e istituzionali in modo subdolo e inconfessabile, con l’intenzione di manipolare l’azione politica a svantaggio della collettività e del bene comune.

Per questo, il Movimento Roosevelt è equidistante da tutti i partiti/movimenti attuali e intende solo appoggiare singoli candidati che abbraccino le idee espresse nello Statuto MR.

Marco Moiso
Coordinatore Generale del Movimento Roosevelt

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna