News da tutti i dipartimenti

Posti limitati per l’evento del 30 Marzo a Londra

L’evento londinese “Un New Deal rooseveltiano per l’Italia e l’Europa”, che vedrà la presenza di Ilaria Bifarini, Danilo Broggi, Pino Cabras, Nino Galloni, Guido Grossi, Egidio Rangone, Antonio Maria Rinaldi, Gioele Magaldi, Marco Moiso, Andrea Pisauro, Patrizia Scanu, Giovanni smaldone e Fabio Zoffi si avvicina.

Alle domande sulle modalità di iscrizione e partecipazione, vogliamo rispondere sottolineando la necessità di prenotarsi con anticipo al link https://www.eventbrite.co.uk/e/un-new-deal-rooseveltiano-per-litalia-e-leuropa-tickets-54447620298 .

Sono disponibili per l’evento solo 90 posti, inclusi gli accrediti per la stampa. I giornalisti interessati all’evento devono scrivere alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , con anticipo, per avere un accredito.

New Deal Rooseveltiano 2 6ba3c

Danilo Broggi a "Un New Deal rooseveltiano per l'Italia e l'Europa" – Londra 30 marzo 2019

img Danilo Broggi aa1ccDanilo Broggi parteciperà a "Un New Deal rooseveltiano per l'Italia e l'Europa", l'evento promosso dal Movimento Roosevelt UK che si svolgerà a Londra il prossimo 30 marzo 2019.

Nato a Milano nel 1960, Broggi è un imprenditore e start-upper, manager pubblico e privato, già Presidente nazionale di CONFAPI – Confederazione italiana della piccola e media industria, Amministratore delegato di CONSIP e di Atac, la municipalizzata del Comune di Roma. È tuttora consigliere di amministrazione di aziende private in diversi settori (banche e finanza, assicurazioni, industria e servizi ecc.), nonché Presidente del Centro per la Cultura di Impresa, componente dell'Advisory Board del Dipartimento Finanza della Bocconi School of Management, la scuola di direzione aziendale e cultura manageriale dell'Università Luigi Bocconi di Milano.

Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: Zingaretti, ha una soluzione per l'Italia? Riscopra Keynes, se il PD vuole tornare progressista

Il presidente del Movimento Roosevelt al neo-segretario PD: getti a mare i 25 anni di storia del centrosinistra, che ha preso in giro gli italiani obbedendo al peggior neoliberismo

"Un leader sobrio: non carismatico, ma capace di vincere le maratone". Così Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, definisce Nicola Zingaretti, "buon governatore del Lazio", incoronato neo-segretario del Pd dopo le primarie del 3 marzo 2019. "Un uomo leale, capace di mediare, sereno nei rapporti umani, non come il "falso buono" Veltroni e i suoi tanti epigoni". Il problema? "Finora, Zingaretti non ha fornito nessuna soluzione per l'Italia". Perdura l'equivoco storico del centrosinistra: come regolarsi col neoliberismo tecnocratico di Bruxelles? Ha un piano, il nuovo segretario Pd, per uscire dalla crisi? Percorso obbligato: "Chiedere all'Ue di scegliere la democrazia, adottando una vera Costituzione popolare che consenta all'Europa di governarsi attraverso organi finalmente elettivi, con una Bce sottoposta al controllo dei governi". Se non scioglie subito questo nodo - sostiene Magaldi - Zingaretti si rivelerà una semplice meteora, come Renzi, già dalle prossime europee: l'ennesimo leader magari pronto a parlare dei diritti dei migranti (ma non di quelli degli italiani, da sacrificare puntualmente sull'altare dell'oligarchia privatistica che domina l'Ue).

Leggi tutto...

Ilaria Bifarini a "Un New Deal rooseveltiano per l'Italia e l'Europa" – Londra 30 marzo 2019

img Ilaria Bifarini 212c5Ilaria Bifarini parteciperà a "Un New Deal rooseveltiano per l'Italia e l'Europa", l'evento promosso dal Movimento Roosevelt UK che si svolgerà a Londra il prossimo 30 marzo 2019.

Classe 1980, la Bifarini si laurea nel 2004 con il massimo dei voti in Economia della Pubblica amministrazione e delle Organizzazioni internazionali all'Università Luigi Bocconi di Milano, per poi arricchire la sua formazione con un master in studi diplomatici presso la Scuola Italiana per le Organizzazioni Internazionali di Roma e un Corso di Liberalismo presso l'Istituto Luigi Einaudi di Roma. Dottore commercialista e revisore contabile, dopo una decennale esperienza professionale prevalentemente nel settore pubblico e della formazione, inizia via via sempre più a discostarsi dall'impostazione prettamente neoliberista che le era stata imposta durante i suoi studi. Tutto ciò trova luce nel suo primo libro, pubblicato nel 2017, dal titolo "Neoliberismo e manipolazione di massa – Storia di una bocconiana redenta" in cui smaschera l'inganno neoliberista. A distanza di un anno dalla sua prima pubblicazione dà alle stampe il suo secondo libro "I coloni dell'austerity. Africa, neoliberismo e migrazioni di massa" in cui analizza le cause dell'attuale fenomeno migratorio attraverso una chiave di lettura inedita e sconosciuta al mainstream. Attualmente collabora con vari blog e testate giornalistiche, tra cui Scenarieconomici; interviene a convegni e trasmissioni televisive.

Eastmed cos'è? Ne sentiremo parlare

Antonio Avigliano del Dipartimento Geopolitica & Difesa in questa  interessantissima anteprima, atta a capire di cosa parleremo successivamente, analizza dal punto di vista tecnico/energetico cos'è Eastmed, forse il gasdotto in prospettiva più interessante e strategico per l'italia, che potrà contrubuire all'indipendenza energetica della nazione. In una successiva analisi, tra qualche giorno approfondiremo le implicazioni geopolitiche per l'Italia e per l'intera area.



Cos’è Eastmed
comment gas The East Med pipeline and possible connections 770x460 09aba

EastMed, un progetto ambizioso e lungimirante, da molti definito come un “sogno moderno in una regione antica”. Prima di addentrarsi in quella che va delineandosi come un’analisi preliminare costi-benefici, è opportuno spiegare meglio di cosa si tratta.

EastMed è nella sua essenza un sistema di gasdotti on-offshore finalizzato a distribuire gas naturale presente in un complesso di giacimenti situato nella zona più orientale del Mar Mediterraneo, da cui il nome Eastern Mediterranean. Con una lunghezza complessiva di 1900 km ad una profondità che in alcuni punti raggiunge i 3 km al di sotto del livello del mare, EastMed si candida a pieno titolo a diventare il gasdotto sottomarino più lungo al mondo.

Leggi tutto...

Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Scuola-Azienda per futuri servi. La regionalizzazione è uno scandalo

Patrizia Scanu, segretaria del Movimento Roosevelt: il governo Conte fermi il piano di Lombardia e Veneto (più l'Emilia) per rompere l'unità nazionale nell'istruzione, con dirigenti scolastici di nomina politica e programmi differenziati, per ricchi e per poveri.

"Fermate il folle progetto di regionalizzazione della scuola: se lo leggessero, i padri costituenti si rivolterebbero nella tomba". Patrizia Scanu, segretaria generale del Movimento Roosevelt, lancia un appello al governo gialloverde: "Fin che siete in tempo, fermate il disegno varato dall'esecutivo Gentiloni per le Regioni Lombardia e Veneto, più l'Emilia Romagna in misura minore". Cosa cambierebbe? Dirigenti di nomina regionale, cioè politica, per gestire programmi localmente differenziati. Rischio altissimo: "Scuole ricche e scuole povere, studenti di serie A e studenti di serie B". Un altro passo verso la scuola-azienda, di stampo neoliberista, inaugurata dalla riforma Gelmini. Risultato: meno cultura e ragazzi sempre più indifesi di fronte all'ideologia mercantile dominante, rassegnati ad accettare un lavoro degradante e sottopagato. "Come sempre avvienescrive Patrizia Scanu, sul blog del Movimento Rooseveltla polpetta avvelenata viene cosparsa di zucchero, facendo balenare ai docenti (ormai sulla soglia della povertà, con lo stipendio fermo da 10 anni) un modesto aumento nella busta paga".

Leggi tutto...

No alla regionalizzazione della scuola: la scuola della Costituzione è unitaria

img Costituzione italiana b69abSe i Padri costituenti leggessero il testo degli accordi fra Stato italiano e Regioni Lombardia, Veneto ed (in misura minore) Emilia Romagna, con i quali oltre un quinto del personale scolastico e tutti i Dirigenti in blocco passerebbero dallo Stato alle Regioni, sono ragionevolmente sicura che si rivolterebbero nella tomba. Il Governo Gentiloni, in perfetta linea con la Buona scuola di Renzi, che era perfettamente allineato con la scuola-azienda delle Ministre Moratti e Gelmini, nel 2018 quatto quatto, secondo lo stile antidemocratico al quale ci siamo ormai assuefatti, anche di fronte alle questioni di maggiore rilevanza pubblica, sottoscriveva questi accordi che pongono fine alla scuola della Repubblica.


Come sempre avviene, la polpetta avvelenata viene cosparsa di zucchero, facendo balenare ai docenti delle regioni interessate, ormai sulla soglia della povertà, con lo stipendio fermo da 10 anni, un modesto aumento di stipendio. Come la Gelmini, che prometteva falsamente di reinvestire nella scuola le risorse tagliate dalla Finanziaria 2008.

Leggi tutto...

Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: talenti italiani da valorizzare. I cantanti Anastasio, Nigiotti e Charlotte Ferradini

Il presidente del Movimento Roosevelt: tra Sanremo e X-Factor emerge la sensibilità dei più giovani, colonna sonora di questa Italia che ha bisogno anche di canzoni che ne raccontino l'anima (come quelle di Enrico Nigiotti, Anastasio e Marta Charlotte Ferradini)

Sono solo canzonette? Niente affatto: da quelle note scaturisce l'inquietudine di una generazione decisa a non perdersi, nel caos della società liquefatta dal dominio dell'élite che ha svuotato la democrazia. L'arte resta un'espressione fondamentale per capire come stiamo vivendo, sostiene Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, che scommette anche sulla musica per il progressivo risveglio della società italiana. E punta su tre giovani talenti: Marta Charlotte Ferradini, Enrico Nigiotti (a Sanremo con lo struggente brano dedicato al nonno) e il ventenne rapper Anastasio, vincitore di X-Factor. Sulfureo l'affresco sociale che emerge nel suo brano "Correre": "In quarta elementare m'hanno detto di sognare perché il mondo stava pronto per risorgere, e sarebbe stato mio, dovevo solo correre, e gli altri si mangiassero la polvere". Applausi: "Per la giovanissima età e per l'essersi definito un libero pensatore – dice Magaldi, in web-streaming su YouTube con Fabio Frabetti di "Border Nights" – Anastasio dimostra di essere una spanna sopra gli altri: non escludo di invitarlo all'evento milanese del 3 maggio, che il Movimento Roosevelt dedicherà alle figure di Carlo Rosselli, Olof Palme e Thomas Sankara".

Leggi tutto...

Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: Gianroberto Casaleggio era massone

Il presidente del Movimento Roosevelt attacca i 5 Stelle, ipocriti e massonofobici: fingono di non sapere che nel governo gialloverde figurano diversi massoni, come Tria e Moavero

"Piaccia o meno ai 5 Stelle, Gianroberto Casaleggio era massone". Lo afferma Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt e autore del bestseller "Massoni" (Chiarelettere, 2014) che svela i retroscena "supermassonici" del back-office del potere, italiano e internazionale. "Immaginavo che Casaleggio senior fosse un iniziato alla massoneria, ma ne ho avuto conferma solo di recente: sono in possesso dei documenti che lo provano", ha detto Magaldi, gran maestro del Grande Oriente Democratico, nella diretta web-streaming "Gioele Magaldi Racconta", su YouTube, il 25 febbraio.

Leggi tutto...

Russia

bandiera russa 0b62a
Russia

Finalmente, una brillante ed equlibrata  analisi ad opera di Emilio Ciardiello, del Dipartimento Geopolitica & Difesa, che rende giustizia a certe forzature propagandistiche del mainstream e vede in maniera esemplare il nodo Russia anche dalla prospettiva del suo popolo. Dovrebbe diventare esempio di come certe delicate questioni internazionali dovrebbero essere esaminate.

Russia.

La Russia ha un’importanza geopolitica del tutto particolare trattandosi dello stato territorialmente più vasto al mondo, ricco di risorse naturali e minerarie, e seconda potenza nucleare del pianeta.

L’Italia non può non avere un chiaro quadro dei suoi interessi geostrategici ed economici nei confronti della Russia e non elaborare coerentemente una strategia da attuare, lì dove compatibile con le attuali alleanze geopolitiche e militari e con gli organismi sovranazionali a cui l’Italia partecipa.

Leggi tutto...

MR Umbria: Assemblea regionale sabato 23 marzo a Perugia (ore 18.15-20.20, presso la Sala Vaccara di Palazzo dei Priori). Contro la crisi della democrazia, per il rilancio di infrastrutture e trasporti nel Centro Italia e per una prospettiva di rinnovato

La nomina di Coordinatori regionali pro-tempore in quasi tutte le regioni italiane (e al netto di quei territori extra-italiani dove la comunità rooseveltiana è solida e produttiva da anni, come nel caso del Regno Unito e di Londra, con la supervisione di Marco Moiso, la vice-supervisione di Emilio De Virgilio e il contributo di molti altri validissimi soci MR ivi residenti, o dove ancora va bene organizzata e strutturata in modo operativo, come nel caso di diversi paesi esteri) va nella direzione di un complessivo potenziamento del Movimento Roosevelt.
Su tali Coordinatori (designati in attesa di avere, nell'arco di un anno, dei Segretari regionali eletti direttamente dalla base locale), si veda, per ora:
Ma il potenziamento dell'azione rooseveltiana si sta concretizzando, in questi mesi, in una serie di iniziative prestigiosissime di ampio respiro nazionale e internazionale e nell'acquisizione di strumenti di comunicazione e diffusione dell'ideologia, dei valori, dei principi e della cultura MR che avranno un impatto di enorme potenza, sia a livello globale che locale.

Leggi tutto...

MR Lombardia: Assemblea Regionale 1 Marzo 2019 a Milano. Ricordando i 33 anni della morte di Olof Palme.

Assemblea regionale Lombardia MR di venerdì 1 marzo 2019, nel 33esimo anniversario dell’assassinio di Olof Palme (1 marzo 1986) e nell’imminenza dell’epocale evento di Milano (venerdì 3 maggio 2019) in cui Palme, Carlo Rosselli e Thomas Sankara saranno rievocati per combattere la crisi della democrazia
 

 

L’Assemblea regionale Lombardia MR di venerdì 1 marzo 2019 a Milano avrà svolgimento, significativamente, nel 33esimo anniversario dell’omicidio del grande statista svedese, europeo ed europeista socialdemocratico Olof Palme (ucciso il 1 marzo 1986).

Saranno presenti alla riunione anche Gioele Magaldi (Presidente MR), Patrizia Scanu (Segretaria Generale MR), Gianfranco Pecoraro (Carpeoro), Paolo Mosca, Giovanni Smaldone, Michele Petrocelli, Roberto Luongo (tutti Consiglieri di Presidenza MR) e altri soci rooseveltiani residenti in sezioni italiane ed estere. Riunione aperta anche a rooseveltiani non lombardi e a cittadini non ancora rooseveltiani, ma desiderosi di avvicinarsi al Movimento Roosevelt


Rendiamo quindi noto pubblicamente che Venerdì 1 marzo 2019, a partire dalle ore 19 (sino alle 21 circa) avrà luogo un importante incontro regionale del Movimento Roosevelt Lombardia, cui sono invitati, però, anche dirigenti nazionali e dirigenti locali o semplici soci MR di altri territori. Sono inoltre benvenuti cittadini e cittadine non ancora rooseveltiani, ma interessati alla traiettoria civica, metapartitica e trasversalmente politico-culturale del MR.

L’appuntamento è fissato alle ore 19 di Venerdì 1 marzo 2019 a Milano, presso lo Studio di Daniele Poli, sito in Via Giovanni Meli n.18, zona Via Padova.

Leggi tutto...

"Nel segno di Olof Palme, Carlo Rosselli, Thomas Sankara e contro la crisi globale della democrazia": istituito il Comitato Organizzativo

“Nel segno di Olof Palme, Carlo Rosselli, Thomas Sankara e contro la crisi globale della democrazia” : istituito il Comitato organizzativo di questo archetipico evento rooseveltiano che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano e si svolgerà venerdì 3 maggio 2019, dalle 14 alle 18 circa, presso la Sala conferenze del Museo del Risorgimento, ospitato nella splendida cornice settecentesca di Palazzo Moriggia, Via Borgonuovo 23 (zona Brera)

 

 

Siamo lieti di rendere noto alla comunità rooseveltiana, alla pubblica opinione nazionale e internazionale e alla cittadinanza milanese e lombarda nello specifico, che il Comune di Milano ha concesso il suo patrocinio al Convegno, organizzato dal metapartitico Movimento Roosevelt (www.movimentoroosevelt.com ), dal titolo “Nel segno di Olof Palme, Carlo Rosselli e Thomas Sankara e contro la crisi globale della democrazia”.

E non solo il Comune di Milano ha concesso il suo patrocinio all’iniziativa, ma ha anche messo a disposizione per la realizzazione dell’evento la prestigiosa Sala conferenze del Museo del Risorgimento, collocato nella splendida cornice del settecentesco Palazzo Moriggia, in Via Borgonuovo 23, zona Brera.

In quel contesto, venerdì 3 maggio 2019 avrà svolgimento il Convegno, dalle ore 14 alle ore 18 circa, preceduto (diversi giorni prima) da una Conferenza Stampa che il MR concorderà con rappresentanti del Comune in data appropriata per presentare ufficialmente ai media l’iniziativa.

A latere del Convegno, il giorno dell’evento (venerdì 3 maggio 2019, ore 14-18 circa) il MR offrirà anche un buffet per i relatori, i rappresentanti istituzionali e i giornalisti accreditati presenti.

Al fine di realizzare nel modo migliore questo importante evento, la Presidenza MR ha deciso di istituire uno specifico “Comitato organizzatore” del Convegno milanese di venerdì 3 maggio 2019.

Leggi tutto...

Grande evento europeo organizzato il 30 marzo a Londra dal Movimento Roosevelt

Grande evento europeo organizzato il 30 marzo a Londra dal Movimento Roosevelt

con Ilaria Bifarini, Danilo Broggi, Pino Cabras, Nino Galloni, Guido Grossi, Gioele Magaldi, Marco Moiso, Egidio Rangone, Antonio Maria Rinaldi, Patrizia Scanu, e Giovanni Smaldone. Si attendono altre sorprendenti e autorevoli presenze... 

0AAD2347 EFF2 4660 82DA 0C50413FC062 56815

“Un New Deal rooseveltiano per l'Italia e l'Europa”: da Londra, il Movimento Roosevelt si prepara a lanciare un messaggio a tutti i popoli europei. Missione: difendere le istituzioni democratiche dalle ricette economiche del neoliberismo, spiegando ai cittadini che è necessario tornare a usare l’economia per fare gli interessi della collettività. Ne parleranno il 30 marzo nella metropoli inglese (capitale globale per eccellenza) politici e politologi, ma soprattutto esperti di economia, finanza e management: tra questi Ilaria Bifarini, Danilo BroggiGuido Grossi Antonio Maria Rinaldi. Accanto a loro, interverranno Nino Galloni, Vicepresidente del Movimento Roosevelt, ed Egidio Rangone, Direttore del Dipartimento Economia del MR, insieme all'onorevole Pino Cabras (deputato M5S) e ai massimi dirigenti del Movimento Roosevelt (il presidente Gioele Magaldi, il Vicepresidente Marco Moiso, la Segretaria Generale Patrizia Scanu e Giovanni Smaldone, del Consiglio di Presidenza del Movimento).

«Negli ultimi trent’anni – affermano gli organizzatori – la politica ha abdicato al proprio ruolo di guida e rappresentanza degli interessi del popolo e si è piegata a mera esecutrice dei dogmi e delle ricette del cosiddetto neoliberismo. Oggi – aggiungono i promotori dell'evento – bisogna spiegare ai cittadini che esistono altri modelli economici, oltre a quelli neoliberisti, e che l’economia può essere usata per fare gli interessi della collettività». Gli esempi storici non mancano: «Così come il presidente Franklin Delano Roosevelt lanciò il New Deal in America per uscire dalla crisi del ‘29, oggi bisogna trovare una classe politica determinata a combattere gli interessi della "teologia dogmatica neoliberista" e del mercatismo assoluto, per affermare semmai una economia di mercato libera (affrancata da monopoli, oligopoli e neomercantilismo) e socialmente equa e per rilanciare politiche espansive in tutta europa, volte a restituire benessere e sovranità al popolo europeo».

Leggi tutto...

I Coordinatori regionali, regione per regione

img Italia regioni 62ecfCarissimi amici rooseveltiani,
sono lieta di comunicarvi i nomi e gli indirizzi di contatto dei Coordinatori regionali, incaricati pro tempore dalla Segreteria generale, con la ratifica della Presidenza, di condurre le attività dei gruppi regionali fino all'elezione del Segretario. Ognuno di voi è invitato a mettersi in contatto con il proprio Coordinatore per partecipare alle attività locali del Movimento, che saranno supportate dall'allestimento di siti e blog regionali tutti nuovi, nei quali si potranno discutere e diffondere iniziative, problemi e criticità del territorio regionale, provinciale e cittadino. Ci saranno molte novità ne prossimi mesi e dobbiamo prepararci con impegno ed entusiasmo.
In alcune regioni sono previsti incontri a breve. Mantenetevi in contatto!

In due regioni, Veneto e Marche, manca ancora il Coordinatore. Insieme al Presidente, invito perciò chi se la sente a farsi avanti. Si tratta di un incarico temporaneo, che è l'occasione per cimentarsi in un'esperienza nuova.

Il lavoro dei Coordinatori è illustrato nel Vademecum, dal titolo: Gruppi MR: Istruzioni per l'uso.

Comunico inoltre ai soci che, in occasione dell'Assemblea generale del 4 maggio prossimo, che si svolgerà a Roma presso l'Istituto Sant'Orsola una mattinata di formazione per i Coordinatori e per i soci interessati ad imparare alcune tecniche di gestione dei gruppi. Il seminario esperienziale si svolgerà domenica 5 mattina, sempre al Sant'Orsola e servirà anche a chi vorrebbe candidarsi alla Segreteria regionale.

Leggi tutto...

Di Maio, Salvini e la "perfida" Francia




cfa franchi f58de

            Negli ultimi giorni si sono succedute dichiarazioni di Salvini, Di Maio, ma anche di Conte in chiave polemica verso la Francia. La stampa main stream ha bollato queste esternazioni, a seconda delle fonti, come un polverone per nascondere le difficoltà interne o come una manovra per creare un nemico esterno a giustificazione di certe debolezze strutturali, programmatiche nonché di impedimento all’affermazione delle politiche governative. Insomma, la versione moderna della “perfida Albione”. Non si può negare che esista il pericolo concreto di un’utilizzazione in tal senso delle affermazioni suddette, ma esse forse hanno un fondamento molto meno effimero e superficiale e vanno verso un’auspicata reazione a mire espansionistiche, in senso di sfruttamento di risorse finanziarie, industriali ed economiche in generale.

Leggi tutto...

Il risiko del prezzo del petrolio

il Prof. Aldo Vesnaver inizia una collaborazione con il Dipartimento Geopolitica e Difesa di MR, collaborazione che ci auguriamo divenga sempre più stretta. 
Dalla lucida, brillante e precisa analisi emerge che il prezzo del petrolio NON sia correlato alla sua disponibilità e che questo invece sia fortemente influenzato, tramite manipolazioni delle informazioni, (come  a esempio il reale numero dei giacimenti scoperti, e "fake news")da logiche finanziarie e geopolitiche, come spesso denunciato da MR in altri campi e discipline. 
Nota integrativa: si parla del prezzo del petrolio al barile, ma a quanti litri corrisponde un barile? 159



Aldo Vesnaver ha conseguito una Laurea in Fisica ed un Dottorato di Ricerca in Geofisica presso l' Universita di Trieste. Ha lavorato come Ricercatore e Dirigente di Ricerca pressol' Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (www.inogs.it). Ha insegnatocome Chair Professor di Geofisica Applicata alla “King Fahd University of Petroleum andMinerals” di Dhahran (Arabia Saudita) e presso il “Petroleum Institute” di Abu Dhabi(Emirati Arabi Uniti). ; Membro Onorario dell'“European Association of Geoscientists andEngineers” (www.eage.org), ed è stato co-fondatore e Presidente della “Sezione ItalianaEAGE-SEG” (www.eageseg.org).

Leggi tutto...

Assemblea Regionale Lombardia MR 25 Gennaio 2019 a Milano

Assemblea regionale Lombardia MR di venerdì 25 gennaio 2019 a Milano: saranno presenti anche Gioele Magaldi (Presidente MR), Patrizia Scanu (Segretaria Generale MR), Gianfranco Pecoraro (Carpeoro), Paolo Mosca, Giovanni Smaldone, Michele Petrocelli, Roberto Luongo (tutti Consiglieri di Presidenza MR) e altri soci rooseveltiani residenti in sezioni italiane ed estere. Riunione aperta anche a rooseveltiani non lombardi e a cittadini non ancora rooseveltiani, ma desiderosi di avvicinarsi al Movimento Roosevelt



Rendiamo noto che Venerdì prossimo (dopodomani), 25 gennaio 2019, a partire dalle ore 19 (sino alle 21 circa) avrà luogo una importante riunione regionale del Movimento Roosevelt Lombardia.

L’appuntamento è fissato alle ore 19 di Venerdì 25 gennaio 2019 a Milano, presso lo Studio di Daniele Poli, sito in Via Giovanni Meli n.18, zona Via Padova.

Vista l’importanza dell’Ordine del giorno della riunione e dei temi che saranno discussi e deliberati, saranno presenti all’Assemblea regionale MR Lombardia anche il Presidente MR Gioele Magaldi, la Segretaria Generale Patrizia Scanu e i Consiglieri di Presidenza MR Gianfranco Pecoraro (Carpeoro), Paolo Mosca, Giovanni Smaldone, Michele Petrocelli, Roberto Luongo, insieme ad altri soci rooseveltiani italiani ed esteri di altri gruppi territoriali rispetto a quello lombardo..

La riunione è aperta anche a tutte quelle cittadine e a tutti quei cittadini che intendano avvicinarsi al Movimento Roosevelt (www.movimentoroosevelt.com ), iscriversi (vai su: https://blog.movimentoroosevelt.com/iscriviti-o-rinnova.html ) e condividere i nostri valori, i nostro obiettivi e le nostre rivoluzionarie iniziative civili e politico-culturali.

Leggi tutto...

Senza storia non c'è memoria. Salviamo l'insegnamento della storia

img Storia 84989Uno degli effetti più dannosi e inavvertiti della riforma Gelmini, voluta e attuata con spietata determinazione dal secondo governo Berlusconi nel 2008, è il depotenziamento dell'insegnamento della storia in tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Fino alla riforma Gelmini la storia, secondo il modello del pedagogista Jerome Bruner, veniva insegnata in modo circolare, riprendendola daccapo e in modo completo in ogni ciclo scolastico (elementari, medie, superiori). La ragione era semplice e sensata: man mano che il bambino cresce, aumenta la sua capacità di afferrare la complessità degli eventi umani e la ripetizione consente di approfondire progressivamente la conoscenza della disciplina, sedimentandola sempre meglio.

Ora invece i bambini italiani incontrano gli eventi storici una sola volta nel loro percorso scolastico di otto anni fra elementari e medie. Se hanno fortuna, nel migliore dei casi hanno a 14 anni nozioni vaghe o elementari dei processi storici; se per sfortuna imbroccano nell'insegnante sbagliato, possono ignorare completamente interi pezzi del passato.

Arrivano così spesso alle superiori con un enorme buco nero alle spalle. Pochi di loro sanno che cosa sia la Rivoluzione francese, la formazione degli Stati assoluti, il Risorgimento o la seconda guerra mondiale. Figuriamoci la storia antica e medioevale.

Leggi tutto...