News dalla categoria Comunicazioni

"Io Apro" a Milano e Roma: Il Movimento Roosevelt dalla parte di chi si ribella ai folli divieti

Il Movimento Roosevelt con i ristoratori di "Io Apro" a Milano e Roma: torniamo a vivere, protestiamo contro i folli divieti che hanno ucciso 400.000 aziende italiane

 

«Ribelliamoci, la scelta non può essere tra morire di Covid o morire di fame. La situazione è tragica, se andare a cena in un ristorante diventa un atto rivoluzionario». Gioele Magaldi: in campo i primi volontari della Milizia Rooseventiana. «Nessuno pensi che la nonviolenza sia un cedimento di fronte a chi ci strappa di dosso la libertà: se si arriva alla tirannide, la risposta sarà la rivoluzione»

 

Il Movimento Roosevelt aderisce alla "protesta gentile" dei 30.000 ristoratori di "Io Apro": i primi volontari della Milizia Rooseveltiana saranno presenti in due ristoranti, a Roma e a Milano, la sera di venerdì 15 gennaio. «Saranno con noi gli avvocati del Sostegno Legale Rooseveltiano, per vigilare sui comportamenti delle forze dell'ordine, ove intervenissero: violeremo infatti in coprifuoco e, se i locali fossero al completo, ci assembreremo all'esterno». Le due dimostrazioni saranno seguite in diretta da "MRTV", in streaming web, mentre un collegamento sarà effettuato anche da "Border Nights".

 

«La situazione è tragica, se il solo fatto di uscire a cena, una sera, diventa un atto rivoluzionario», dice Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, che contesta integralmente l'impianto repressivo adottato per l'emergenza Covid: «Le restrizioni, che sono incostituzionali, sono inefficaci per debellare l'epidemia ma, in compenso, si sono rivelate perfette per devastare l'economia italiana, distruggere la socialità e quindi minare gravemente la salute psico-fisica delle persone».

Leggi tutto...

Gioele Magaldi: L'Italia non s'è desta. Accetta la "democratura" e la rovina dell'economia.

L'Italia non s'è desta: col pretesto del Covid subisce senza protestare i decreti incostituzionali, la sospensione della libertà e la rovina dell'economia

 

Attraverso Gioele Magaldi, Pierluigi Winkler e Ivo Mazzone, il Movimento Roosevelt denuncia la catastrofe civile innescata dalla paura: siamo ormai in una "democratura", dove distanziamento e coprifuoco non sono suffragati da evidenze scientifiche né dalla legalità costituzionale dello Stato di diritto


«Mi spaventa, l'obbedienza degli italiani di fronte a misure insensate: mi fa pensare alla possibilità di uno step successivo. E come se pensassero: cos'altro riusciremo a far fare, a questo popolo bue?». Timori espressi dall'avvocato Ivo Mazzone, tra i coordinatori del servizio di Sostegno Legale allestito dal Movimento Roosevelt per patrocinare, in gratuito, la difesa dei cittadini colpiti da sanzioni ingiuste durante l'emergenza Covid. L'avvocato Mazzone mette a fuoco un altro problema: «Non serve, abbandonare i Dpcm illegittimi se poi li si sostituisce con decreti legge, che hanno bisogno di 60 giorni per essere convertiti in legge: prima che vengano contestati, il governo sarà andato oltre, con altri decreti, e così resterà impossibile il controllo giuridico-democratico sul suo operato».

Leggi tutto...

Gioele Magaldi: nessun golpe in USA. Trump vittima di nemici sleali e dei suoi stessi, gravi errori.

Magaldi: disastro Usa, Trump vittima di nemici sleali e dei suoi stessi, gravi errori

 

Il presidente del Movimento Roosevelt: un autogol il farsesco assalto al Parlamento, ma non certo un tentato golpe. Trump è stato costantemente demonizzato, ben prima degli sciagurati disordini al Campidoglio. Gli ipocriti che oggi parlano di "attentato alla democrazia" tacevano, nei mesi scorsi, quando i fascisti di Antifa uccidevano cittadini nelle strade, e continuano a tacere di fronte alla "dittatura sanitaria" che ha sospeso le nostre libertà

 

«Dov'erano, le ipocrite vestali del politicamente corretto, quando i fascistissimi miliziani di Antifa uccidevano cittadini anche neri nelle strade d'America, nei mesi scorsi? Chi oggi tuona contro il presunto "attentato alla democrazia" rappresentato dallo sgangherato assalto al Campidoglio continua a tacere, di fronte all'infame "dittatura sanitaria" che ha sospeso la nostra libertà col pretesto del Covid». Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, si unisce all'unanime condanna delle violenze che il 6 gennaio hanno travolto il Parlamento americano, ad opera di «un branco di buffoni esaltati dalla retorica di Trump», ma precisa: «E' stato un drammatico autogol, un episodio tragicamente farsesco, ma non certo un tentativo di colpo di Stato». Imperdonabile la condotta di Trump: «Non ha vigilato affinché non prevalesse, o non fosse infiltrata, la minoranza violenta che ha poi invaso Camera e Senato, mentre la maggioranza dei manifestanti si è limitata a una pacifica protesta popolare, accusando Joe Biden di aver "rubato le elezioni" tramite estesi brogli».

Leggi tutto...

Gioele Magaldi: nuove fallimentari campagne di Russia e strategie anti-Draghi

Magaldi: il mondo è vittima di un virus massonico, ma chi l'ha scatenato (per sottomettere l'umanita') finira' sconfitto, come Napoleone e Hitler in Russia


Il presidente del Movimento Roosevelt: sara' proprio la sfrontatezza del "partito del Covid" ad aprire gli occhi alla popolazione, rinchiusa a causa di un'epidemia di influenza scarsamente letale. L'Italia? Chi teme il "nuovo" Draghi, progressista, oggi lo vorrebbe a Palazzo Chigi sperando che si bruci, perdendo così il tram per il Quirinale

 
«Quella del coronavirus è la terza offensiva planetaria, contro di noi, condotta dall'élite massonica neoaristocratica che aveva già colpito altre due volte: sabotando l'economia attraverso le crisi finanziarie pilotate, per indebolire la società creando diseguaglianze, e poi "fabbricando" il terrorismo islamico per ridurre le libertà di tutti col pretesto della sicurezza». Gioele Magaldi non ha dubbi: «Siamo di fronte all'ultimo attacco, da parte delle stesse forze massoniche oligarchiche: quello sanitario, attraverso la gestione emergenziale della pandemia, sarà anche l'ultimo». Per Magaldi «è un attacco disperato», perché punta a un orizzonte irrealizzabile: «Un mondo distopico, senza più libertà, sulla scorta del modello cinese». Anche per questo, l'aggressione contro la popolazione «finirà rovinosamente, come le campagne di Russia condotte da Napoleone e Hitler, entrambi traditi dall'eccessiva fiducia nelle loro possibilità di successo».

 

Autore del besteller "Massoni" (Chiarelettere, 2014) ed esponente del circuito massonico progressista sovranazionale, Magaldi annuncia: il "sequel" del primo volume sulle malefatte delle superlogge reazionarie, in uscita entro il 2021, farà nomi e cognomi dei soggetti che hanno «progettato il rilascio del coronavirus come strumento di dominio, fondato su una paura immotivata ma ingigantita dall'allarmismo dei media». Ormai, dice Magaldi, i cittadini stanno aprendo gli occhi: «Vessati da restrizioni assurde che sembrano destinate a non finire mai, assistono a una presa in giro sempre più sguaiata e sfacciata: nuove varianti del virus mettono in dubbio l'efficacia dei vaccini frettolosamente approntati, e non scientificamente testati in modo adeguato in relazione agli effetti indesiderati sull'organismo. E mentre gli italiani sono stati costretti a restare a casa persino all'ultimo dell'anno, anche col placet di Papa Bergoglio, gli abitanti di Wuhan si sono scatenati in festeggiamenti spensierati e oceanici, per il capodanno, proprio nel paese da cui è nata la cosiddetta pandemia».

Leggi tutto...